AD-BLOCK
ULTIME NEWS

pubblicazioni

TOTAL 16

Memotac Settembre - Ottobre 2012

Pubblicato il 09/01/2012

Minori costi per poter... spendere di più

Nei mesi scorsi abbiamo avuto il coraggio civile di esporci inviando una nota al Presidente del Consiglio Monti indicando, a nostro avviso, una tra le tante strade per fare giustizia nell’amministrare soldi pubblici e privati non penalizzando chi lavora, ma chi trae lucro dal lavoro altrui. La riflessione richiamata riguarda, naturalmente, il nostro mondo e, cioè, l’organizzazione delle Bcc/Cr che, a seconda delle stagioni, paventa esuberi e, nel contempo declama bilanci senza problemi poi, ancora, reclama sottoscrizioni di capitali o, peggio, richieste di maggiori contribuzioni per il funzionamento degli Organi centrali. Il tutto tra l’indifferenza delle OO.SS., interessate a non alzare polveroni ed a coprire i loro interessi. È stata poi sollecitata l’attenzione sulla pletora degli oltre cinquemila (!) Amministratori di Bcc retribuiti, oltre ad una presenza nei Collegi dei revisori di ben tre più due membri con parcelle di svariate migliaia di euro. Contributi associativi “volontari”, per poter retribuire gran parte di quegli Amministratori, nonchè i loro viaggi di presenza a Roma che, di fatto, versano a se stessi prelevandoli dalle Casse di provenienza, con ovvi aggravi dei costi di gestione delle cooperative. Se ciò non fosse sufficiente pesa sulle Aziende anche il contributo fisso per la “cooperazione” dovuto per legge. Oltre alle strutture periferiche. Ed i costi per i compiacenti cosiddetti dirigenti sindacali? Ecco perché tutto tace e tutti si guardano bene dall’agitare le acque. Silenziosamente e incostituzionalmente modificano gli Statuti per evitare l’ingresso dei non graditi nella Casta. A tutto discapito di soci, clienti, imprese, lavoratori. Cioè, tutti. Meno loro. Attenzione, però, a non tirare la corda.


Scarica file