AD-BLOCK
ULTIME NEWS

pubblicazioni

TOTAL 16

Memotac Agosto - Settembre 2010

Pubblicato il 08/01/2010

L’inizio e la fine di una poesia

Il caso mi ha portato in questi giorni a Loreggia (PD) per alcuni località sconosciuta per molti altri (spero) punto di partenza di una delle più belle avventure politico-sociali del trascorso millennio. È lì che ebbe inizio il cammino per uomini dal cuore grande e dall’entusiasmo altruistico. Nascono, infatti, in questo piacevole Villaggio la prima Cassa Rurale d’Italia e la formazione del piccolo grande patrimonio di umanità creditizia che, in poco tempo, mettono radici ovunque alita lo stesso spirito. Anni successivi difficili, ma ad affrontarli uomini convinti ed onesti. Poi, altri hanno arricchito di storia moderna l’Idea e le hanno dato prestigio e positiva notorietà. Queste note le scrivo perché ho vissuto gran parte di questa fase, ne ero orgoglioso e questo orgoglio ho riversato nel cercare di difendere quei tanti pionieri di trincea che vi hanno contribuito ed a cui dobbiamo, per il loro ruolo determinante, tanti successi, spesso guidati solo da tanto buon senso. In questi giorni ho partecipato, mio malgrado, ad un triste accadimento e ho dovuto mestamente assistere alla fine di tutto ciò. La realtà è apparsa in tutta la sua crudezza: i pionieri trasformati in “banchieri” e con ben altro spirito e intenti a nascondere una crisi che, se avessero operato diversamente, li avrebbe appena sfiorati. Ed ancora più triste è stato constatare come questi “banchieri” di nuova generazione si scaglino, nella ricerca di un alibi, contro quel manipolo di sostenitori della passata filosofia e, peraltro, possessori di un patrimonio professionale indiscusso. Ciò che prima accomunava l’idea di Wollemborg, oggi trova divisi “banchieri” e bancari gli uni a difesa dei propri interessi e gli altri con la speranza di preservare il proprio futuro e quello della loro Istituzione. Una volta presiedere le nostre “Casse Rurali” era un onore ed un grande riconoscimento; oggi essere a capo di una Banca Cooperativa è una rincorsa al gettone ed alla gestione della propria immagine. C’est fini la comédie!!


Scarica file