AD-BLOCK
ULTIME NEWS

Federcasse dà disdetta unilaterale del CCNL per i Dirigenti delle BCC

Nel gennaio 2015, dopo una ulteriore serie di incontri tra le rispettive Delegazioni Sindacali, viene firmato un Accordo che riconosce la rappresentanza e la rappresentività del Sinadi per i Dirigenti che viene legittimata con il suo ritorno al tavolo negoziale ancora una volta scatenando le altre OO.SS. che vedono terminato il periodo dei loro inciuci. Il Sinadi, in una serie di incontri locali e nazionali, si oppone a che vengano disdettati anche gli accordi integrativi. La Federazione di Trento accoglie l’istanza SINADI di prorogarne la validità, decisione che la Federcasse adotterà a livello nazionale, prolungando la validità anche degli accordi di 2° livello fino alla fine di marzo 2015. E si comincia a risparmiare !! :

image

Si procede a riscrivere Regole e Contratti: “……….”

image

Stiamo per iniziare a scrivere una nuova pagina sulle relazioni sindacali e contrattuali con Federcasse. Unlungo e buio periodo di insensate incomprensioni e di pretestuose posizioni hanno minato più volte ilcammino del nostro Sindacato rigido nel difendere, senza compromessi, i diritti di chi è il Movimento stesso enon di chi lo utilizza per proprio tornaconto e con opportunistiche pretese, indipendentemente dalla loro fondatezzae applicabilità alla nostra identità cooperativistica. Non è forse questo il momento di cercare di chisia la colpa di tante negative pagine che sono state scritte da quando si è ritenuto di allontanare il Sinadi daltavolo del confronto. Da parte nostra, però, è certo che non sentiamo l’obbligo di porgere scuse ad alcuno,bensì solo il dovere di convincere la nostra coscienza che non v’era alcuna possibilità, nell’adempierecorrettamente il nostro mandato, di fare altrimenti. La condanna, di contro, è certa per quanti hanno,strumentalmente e per profitto personale, utilizzato la circostanza creando danni, per gran parte,irreversibili. Siamo convinti - ed i fatti dei prossimi giorni e quelli che seguiranno lo confermeranno - che lapresenza seria, competente e responsabile del nostro Sindacato, riconosciuta dalla stessa Controparte,rimetterà al centro ed all’attenzione del settore creditizio quelle categorie di lavoratori che intendono esseredifferenti come lo sono le loro Aziende. Non sarà certamente facile, ma per chi è abituato ad esprimersi conlo stesso linguaggio degli interlocutori, sia pure su diverse sponde, non sarà impossibile renderliconsapevoli della necessità di riscrivere regole, comportamenti e, di conseguenza, norme che siidentifichino con i destinatari e non siano la brutta copia di altre e diverse realtà.

“Riscriviamo Regole e Contratti” estratto da Memotac – gennaio/febbraio 2014)